Pubblicato in Opinioni

CEMENTO INVASIVO: ADDIO MONTI SORGENTI DALL'ACQUE

Mercoledì, 06 Novembre 2019 09:27 Scritto da  Sinistra e lavoro

Addio, monti sorgenti dall’acque, ed elevati al cielo; cime inuguali,
note a chi è cresciuto tra voi, e impresse nella sua mente, non
meno che lo sia l’aspetto de’ suoi più familiari. (A. Manzoni)

Ma questa strabordante e selvaggia, a nostro giudizio, colata di cemento è
probabilmente in regola, per la sua altezza, per la sua imponenza, per la sua cubatura,
per il suo impatto ambientale/paesaggistico, con le norme previste dal piano di
edilizia comunale, ma, comunque sia, anche se è in regola, è una schifezza vera e
propria che grida vendetta.

Dagli anni ’80 in poi la città ha regalato plusvalore ad immobiliaristi privati che hanno
speculato non solo sulle aree industriali dismesse.
E’ ora di mettere fine a questa insipienza urbanistica, per incamminarsi sul terreno
del recupero dei vecchi nuclei senza concessioni di volumetrie aggiuntive e dello “zero
cemento”: tanto si demolisce e tanto si costruisce.

L’anno prossimo ci sarà il rinnovo del Consiglio Comunale; possiamo sperare in una
svolta urbanistica meno selvaggia ed invasiva o no?
Lecco 5 novembre 2019 il coordinamento cittadino
Luigi Vavassori

nella foto: Immobile in costruzione visto da via Besonda Lecco

Ultima modifica il Mercoledì, 06 Novembre 2019 09:31
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento