Il Blog di Enrico Baroncelli

Pubblicato in Opinioni

Salvini prende atto del fallimento della Giunta Fontana ?

Mercoledì, 06 Gennaio 2021 07:06 Scritto da  +Europa

Salvini su Lombardia, +Europa Lombardia: “Salvini con le sue dichiarazioni commissaria de facto Regione Lombardia, finalmente prende atto del fallimento della Giunta Fontana?”

“Matteo Salvini si accorge solo ora che la Giunta Fontana non è mai stata all'altezza della situazione e promette di far correre la Lombardia? Se la situazione che nella nostra regione si è venuta a creare a causa del COVID-19 non fosse tanto grave, il primo istinto che le parole del segretario della Lega susciterebbero sarebbe quello del più amaro disgusto” dichiarano Vincenzo Giannico e Luca Perego, portavoce di +Europa Lombardia.

Salvini sembra essersi accorto solo ora che la Giunta Fontana non è mai stata della partita, che non ha mai rappresentato un punto di riferimento per i lombardi e che non è stata in grado di svolgere i propri compiti neppure lontanamente. Nessuno mette in dubbio la difficoltà che la gestione dell'emergenza Coronavirus abbia rappresentato e che tutt'ora rappresenta, ma una cosa è far fronte alle difficoltà che possono sorgere nei primi momenti di fenomeni come quello che ha investito l'intero mondo, ma altra cosa è non riuscire a far fronte a quanto accade nemmeno a più di un anno dallo scoppio della medesima.

“Salvini”, proseguono i due esponenti di +Europa, “con il suo annuncio di voler “formattare” la giunta Fontana, inserendo elementi che provengano da esperienze governative di più alto livello, ha di fatto, commissariato la giunta guidata da Attilio Fontana, con buona pace di quanto affermato negli ultimi mesi a sostegno della giunta regionale stessa”.

La situazione che si è venuta a creare è chiaramente indicata, oramai da mesi, dai “dati” relativi alla pandemia e che dipingono Regione Lombardia come una delle aree dove la presenza del virus è maggiormente diffusa con i suoi effetti più nefasti. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, non si può sperare in meglio rispetto alla gestione della campagna di vaccinazione anti-Covid, in relazione alla quale sta emergendo un quadro sconfortante e drammatico: i dati odierni parlano dell’11,4% di somministrazione dei vaccini consegnati alla Lombardia, quartultimo posto in Italia dopo Molise, calabria e Sardegna.

Concludono Giannico e Perego: “Il fatto che il “capitano” si sia accorto solamente ora di quale fosse la situazione maturata nella “sua” regione la dice lunga su quelle che sono le attenzioni che il medesimo ha destinato ai destini dei “lumbard”. Quelle di Salvini, alle orecchie dei cittadini lombardi più attenti non possono che suonare come l'eco di una propaganda stanca usurata ed ormai non più in grado di suscitare alcun fermento. Il leader della Lega, commissariando de facto Regione Lombardia, si comporta come il fattore che chiude le porte della stalla solo dopo che i buoi sono fuggiti e di tanto in tanto dovrebbe ricordare ciò che ripeteva il suo idolo Trump in una nota trasmissione: “Sei licenziato!”. Ecco, ciò valga per Fontana e la sua Giunta, drammaticamente inadeguata.”

Ultima modifica il Mercoledì, 06 Gennaio 2021 07:09

Articoli correlati (da tag)

  • AUGIAS, COFFERATI E CASTELLINA RESTITUISCONO LA LEGIONE D`ONORE

    CASO REGENI : PRIMA CORRADO AUGIAS E POI A SEGUIRE SERGIO COFFERATI E LUCIANA CASTELLINA
    RESTITUISCONO LA LORO PIU’ ALTA ONORIFICENZA FRANCESE.

    UNA BELLA E NETTA PRESA DI POSIZIONE LA LORO, MA NON BASTA.
    Alla luce del fatto che il presidente francese, Emmanuel Macron, ha in questi giorni concesso al presidente egiziano Al Sisi, la “Legion d’honneur”, Corrado Aiugias ha restituito all’ambasciata francese lo stesso riconoscimento avuto anni fa, per stigmatizzare l’improvvida assegnazione della “legion d’onore” ad un capo di stato che si è reso oggettivamente implicato in efferati crimini. Cosa questa immediatamente condivisa anche da Sergio Cofferati e da Luciana Castellina che hanno così pure restituito la loro “legion d’onore” ricevuta in passato.

    Bene, molto bene questa loro testimonianza di impegno a sostegno della democrazia, della giustizia e delle libertà e gliene siamo molto grati, ma non basta! Come non basta la pur significativa interruzione delle relazioni diplomatiche con l’Egitto, annunciata dal Presidente della Camera Fico, fino ad una svolta vera sulle responsabilità dell’omicidio del ricercatore Giulio Regeni.

    Servono atti concreti, cominciando a far sì che sia messo fine ad ogni traffico di armi tra il nostro Paese e l’Egitto, che non rispetta i benché minimi diritti umani e democratici. Come può il nostro Governo, sempre meno entusiasmante, vendere ad Al Sisi, nonostante la nostra Costituzione vieti la vendita di armi ai Paesi che non rispettano i diritti umani, due navi da guerra per un controvalore di circa 2 miliardi e una serie di elicotteri da guerra per circa 800milioni ?
    Come può il nostro Paese, oltre agli insensati permessi di traffici di armi con Paesi in guerra o che non rispettano i diritti umani, continuare a buttare ogni giorno 64 milioni in spese militari, e non è un errore, sì proprio 64 milioni al giorno, quando siamo in una situazione economica disastrosa e quando a milioni di italiani sono negati i diritti legati alla salute, alla scuola e più in generale alla dignità?
    Sulla verità e giustizia per le tante Ilaria Alpi, per i tanti Giulio Regeni, per l’avanzamento dei diritti umani e la drastica riduzione delle inaccettabili spese militari noi ci siamo e su questo facciamo appello a tutte le forze della sinistra plurale per un impegno quotidiano più serrato nel Paese e a tutti i livelli istituzionali.
    per coordinamento provinciale
    G.Carlo Bandinell

  • LASINISTRA CONTRO IL SINDACO DI GALBIATE

    CARTELLINO ROSSO PER IL SINDACO DI GALBIATE

    Al di là del responso della moviola, per quanto ci riguarda, il Sindaco di Galbiate ha già commesso troppi falli e
    quindi il “cartellino rosso” di espulsione è un fatto che per noi si è consolidato.
    Al di là degli apprezzamenti di alcuni tifosi a sostegno del Sindaco di Galbiate e guarda guarda, anche delle
    aperture di esponenti della Lega che chiedono dimissioni ogni due per tre del Governo Conte e che
    diversamente si preoccupano per un eventuale commissariamento del Comune, noi siamo decisamente per
    un’aria nuova senza temere tuoni.

    Le molteplici ragioni di questo nostro netto orientamento stanno qui: il Sindaco Giovanni Montanelli già a
    partire dall’insano inserimento nella lista di soggetti in antitesi ai valori che cerchiamo di rappresentare, non ci
    ha mai degnato di una risposta rispetto a quanto segnalato ad esempio sull’antenna di Villa Vergano, su Villa
    Serena, sullo spreco alimentare e la convenzione per i “buoni spesa” con i supermercati anziché con i piccoli
    negozi del paese, per non parlare poi dell’improvvido ritiro delle deleghe all’assessore ai servizi sociali.
    Un sindaco poi che è sfuggito non solo alle nostre lettere sui diversi temi, ma anche alle molteplici richieste di
    chiarimenti giunte da più parti e, che si è anche imballato nell’azione amministrativa e che quindi è bene ne
    tragga le conseguenze.

    Galbiate ha molte energie che, con nuove elezioni, possono essere attivate per proporre idee e
    soluzioni ai problemi legati al futuro. Bisogna però che si inverta la rotta, per far sì che tutti possano vivere
    meglio in un paese più bello e accogliente e più rispettoso dell’ambiente.
    Sinistra lavoro non è un partito, ma è solo una aggregazione politica aperta e plurale con l’obiettivo di
    contribuire alla realizzazione di obiettivi di unità a sinistra, attorno a programmi sociali, per questo non si
    presenterà direttamente con una propria lista ad eventuali elezioni, ma continuerà un lavoro di proposte e
    sostegno a quelle formazioni plurali progressiste che con chiarezza di contenuti e comportamenti sono
    alternativi alle forze di centro destra.

    Per questo ritiene obiettivo primario e irrinunciabile unire tutte le forze politiche, i gruppi e i movimenti, per
    trovare un’intesa in grado battere la Lega e il centro-destra, ma ciò può avvenire solo sulla base di un
    programma preventivamente e ampiamente partecipato, concordato, coinvolgente e convincente, che
    contenga elementi di netta discontinuità sul piano sociale con le politiche di privatizzazione dei servizi che
    vorrebbero cedere ai privati , ad esempio, Villa Serena.
    Insomma una “bussola” programmatica antiliberista per la valorizzazione dei “beni comuni”, della qualità
    sociale e ambientale, dei diritti costituzionali.
    Su questi contenuti e presupposti SINISTRA LAVORO è pronta a dare il suo contributo di idee e, perché no,
    anche di impegni personali diretti.

    per SINISTRA LAVORO di Galbiate
    Francesco Coniglione

Lascia un commento