Condividi gli Articoli di Leucensia

Share This

Condividi questo articolo

SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK

Seguici sui Social o mandaci una email
Pubblicato in Cultura

Al Mandic la mostra “L'anatomia di Leonardo: un confronto tra arte, scienza e medicina”

Martedì, 29 Ottobre 2019 06:46 Scritto da  Ospedale Manzoni

È stata inaugurata ieri, e sarà visitabile fino al prossimo 6 novembre, la mostra dal titolo "L'anatomia di Leonardo: un confronto tra arte, scienza e medicina" allestita nella Hall dell’Ospedale Mandic di Merate dalla delegazione FAI dell'Alta Brianza in stretta collaborazione con l’ASST di Lecco.

La particolare esposizione, che vede una serie di studi anatomici realizzati e messi a confronto con le moderne immagini radiologiche di alcuni organi studiati da Da Vinci e da lui raffigurati in disegni ora contenuti nel Codice Windsor, “porta a Merate il grande Genio di Leonardo nel 500esimo anniversario dalla sua morte – spiega Paolo Favini, Direttore Generale dell’ASST di Lecco –. Una mostra, questa, che congiunge la cultura artistica a quella medica, visto che nei disegni del Maestro è lampante l’interesse per l’esplorazione e la scoperta della Scienza e della Medicina”.

A presentare la mostra, e il più ampio progetto nel quale essa è inserita, Marcella Mattavelli, Presidentessa della Delegazione FAI dell'Alta Brianza, che ha promosso l’iniziativa e la collaborazione tra le diverse Istituzioni.
Ad illustrare nello specifico i segreti delle immagini esposte, Andrea Cozzi, Dottorando di Ricerca in Medicina Translazionale dell’Università degli Studi di Milano e tra i curatori della mostra.
“Siamo molto grati al Direttore Generale dell’ASST di Lecco e al Sindaco di Merate, Massimo Panzeri, per aver accolto questa iniziativa e a tutti i curatori per loro pronta accoglienza della nostra proposta di portare questa mostra al Mandic, nell’ambito del progetto FAI Lombardia Sulle Tracce di Leonardo con il FAI. Da Milano alla Valle dell’Adda e dintorni” dichiara Marcella Mattavelli.
“Con il Presidente del FAI Lombardia Andrea Rurale siamo molto felici che grazie alla lente delle celebrazioni leonardesche abbiamo potuto verificare ancora una volta quanto la bellezza genera rapporti e contatti che permettono di creare iniziative di valore alla portata di tutti, per la valorizzazione del patrimonio culturale dei nostri Territori” precisa Mattavelli.

Ultima modifica il Martedì, 29 Ottobre 2019 06:48
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento