Pubblicato in Cultura

PREMIO MUSA DONNE FOTOGRAFE

Domenica, 08 Novembre 2020 07:21 Scritto da  SARA MUNARI

Il premio è diviso in due sezioni viene premiata una partecipante per ogni categoria.
1.Reportage, street photography, natura, viaggio, eventi
2.Progetto personale, fotografia concettuale, ritratto, ricerca, still life.

Questo è quanto decretato dalla giuria che, composta da Manila Camarini, Benedetta Donato, Sara Munari e Paola Riccardi, ha selezionato le due vincitrici.

Per il settore Reportage, street photography, natura, viaggio, eventi, vince:

Olivia Rotondo con "Le balene volano allegre"

Il paesaggio islandese è un grande esercizio di poesia.
È potente, esuberante, struggente.
L’Islanda è una terra primordiale, fugace e in continuo movimento.
Il fuoco non smette di plasmarla.
L’acqua respira, sbuffa e starnutisce.
I ghiacci azzurri migrano ostinati verso le spiagge nere.
Le balene volano leggere nel mare e le sterne si tuffano impavide nell’aria.
Le criniere spettinate dei cavalli e il bucato steso danzano all’unisono con il vento.
L’aurora tesse trame incantate e arcane.
Il giorno non resiste alla notte.
Lo sguardo non riesce a trovare l’orizzonte.
Chi ci abita sa che la natura vince su tutto, crea e distrugge.
Non può che vivere in simbiosi con quell’incommensurabile incanto.
Non può che esserne intimamente forgiato nei pensieri, nei gesti e negli sguardi.
Islanda, Fiordi Occidentali, 2017

PRESENTAZIONE PERSONALE

Sono Olivia Rotondo, sono laureata in Lettere e Filosofia e vivo a Torino.
Lavoro da anni nel settore dell’adv e della comunicazione, occupandomi anche di docenze e organizzazione eventi.
Ho seguito corsi e workshop di editing e narrazione fotografica attraverso il reportage, di storytelling e scrittura creativa, di espressione artistica basata sul metodo Munari.
Ho iniziato a fotografare in analogico con una vecchia Nikon FM2, regalatemi per la mia laurea, dedicandomi prevalentemente al reportage. In quel periodo ho avuto l’occasione di affiancare un fotografo professionista e di sviluppare alcuni progetti legati al mondo della danza e del ritratto, oltre ad apprendere le tecniche di stampa in camera oscura. Successivamente ho collaborato a backstage fotografici di video musicali, short movie, spettacoli di danza e teatro.
Alcuni dei progetti a cui ho partecipato: Biennale Arte Emergente Torino, Manifestazione Food Design, Una Regione per la Danza (Regione Piemonte), Paratissima Torino (progetto Job Discount nel 2009 ed esposizione reportage palestinese nel 2010).
Fotografo fondamentalmente per passione scegliendo soggetti e temi in realtà molto differenti fra loro, anche se credo di avere una inconscia predilezione per le persone, le storie e le associazioni concettuali. Oltre alla fotografia amo la scrittura, i libri, l’illustrazione, la grafica, il viaggio, l’enogastronomia.


La vincitrice si aggiudica:
1) MACCHINA FOTOGRAFICA FUJI X100V. Qui il link al modello
2) ZAINO MANFROTTO Chicago. Qui il link al modello
3) TREPPIEDE MANFROTTO Bt carbonio. Qui il link al modello.
4) Abbonamento annuale per la produzione di un SITO PROFESSIONALE con MyPhotoportal

Per il settore progetto personale, fotografia concettuale, ritratto, ricerca, still life vince:
Veronica Benedetti con “Il condominio”

IL CONDOMINIO (strati di me) di Veronica Benedetti
Il progetto si compone di una raccolta di immagini realizzate in un palazzo.
La costruzione progettata nel 1963, si trova a Degioz, in Valsavarenche, tra le montagne della Valle d’Aosta dove l’autrice è cresciuta.
Con le chiavi in mano, spinta dalla curiosità, affascinata dagli ambienti e desiderosa di tener traccia dei lavori in corso, Veronica vi ha fatto ritorno più volte - dall’agosto 2018 - assistendo al cambiamento della facciata e alla lenta svestizione degli interni. Ad ogni visita la costruzione appariva sempre più spoglia, le cose lasciate venivano via via rimosse, sottratte per sempre. I pensieri si facevano nostalgici rendendo il legame con quegli spazi sempre più profondo. Ogni cosa stava abbandonando quel luogo. I processi di de-costruzione, smaltimento e rimozione degli strati stavano facendo il loro corso. Ben presto non ne sarebbe rimasto che un cumulo di macerie.
L’artista ha realizzato una serie visiva che attesta l’esistenza di questo luogo guardando a ciò che vi ha trovato e a come vi ha interagito, guidata dalle sensazioni che ogni cosa restituiva lungo il cammino.
Per ogni piano ha inscenato una sequenza di autoritratti. Ha cercato un dialogo con quanto ha avuto a disposizione: la macchina fotografica, il suo corpo ed il luogo in cui si trovava. Nelle fotografie ha raffigurato la sua esperienza tra le stanze di questo palazzo, vivendo con esso la trasformazione in simbiosi. Strati di struttura come strati di coscienza. La consapevolezza che, in quella casa vuota, potesse essere chiunque. Ha deciso quindi di indagare il rapporto con il tempo, con la sostanza e con la fine.

La vincitrice si aggiudica:
1) La vincitrice avrà diritto ad un pernottamento nella residenza d'artista presso Musa, a Monza.
il periodo coinciderà con l'inaugurazione della mostra nella stessa sede, l'incontro con un curatore e un editore.
INCONTRO CON CURATORE per la produzione di progetti nuovi o in itinere, durante il periodo di soggiorno, da parte di Alessia Locatelli curatrice, direttrice della Biennale di Fotografia femminile e critica professionista.

INCONTRO CON EDITORE
Al vincitore verrà data l'opportunità di avere un incontro con la direttrice della casa editrice EMUSE per comprendere i possibili sbocchi editoriali del proprio progetti.
Le date dell'incontro verranno stabilite mediante accordi che l'autrice prenderà con la casa editrice.
MOSTRA
La vincitrice potrà esporre il progetto selezionato nella galleria di Mu.Sa durante la serata di premiazione.
STAMPA DELLA MOSTRA
La mostra sarà stampata presso Fotofabbrica, laboratorio di Piacenza
Data Inaugurazione mostra da Musa Fotografia:
17 Dicembre 2020 ore 19.00. La data non può essere cambiata per rispettare la programmazione di Musa.
2) MOSTRA presso un grande Festival italiano
La vincitrice potrà esporre il progetto selezionato al Festival della fotografia di Colorno, Colornophotolife, nella splendida Reggia di Colorno (nelle date stabilite per l'edizione successiva rispetto alla data del Premio Musa) previo accordo con il direttore del Festival, con il quale verrà messa in contatto.
3) ZAINO MANFROTTO Chicago. Qui il link al modello
4) TREPPIEDE MANFROTTO Bt carbonio. Qui il link al modello.


Come Musa fotografia, colgo l'occasione di ringraziare tutte le partecipanti, i partner e gli sponsor. La fiducia nel premio è cresciuta e lo dimostrano il numero di partecipanti iscritte e la qualità delle collaborazioni.
Sara Munari
La mostra della vincitrice e premiazione avverrà, salvo differenti comunicazioni dovute a restrizioni, in data 17 Dicembre 2020 alle ore 19.00
Dove: Musa fotografia, Via Mentana, 6 Monza
Per maggiori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e www.musafotografia.it

 

Ultima modifica il Domenica, 08 Novembre 2020 07:24
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento