Il Blog di Enrico Baroncelli

Pubblicato in Comunicati

Antonio Ghislanzoni, Memorie di un gatto

Sabato, 06 Novembre 2021 06:09 Scritto da  LIBRERIA PAROLE NEL TEMPO

Siamo lieti di comunicarVi l'uscita del romanzo di Antonio Ghislanzoni, Memorie di un gatto. Romanzo sociale, curato da Franco Minonzio per le nostre Polyhistor Edizioni (ISBN 9788894503777: euro 20,00), una deliziosa, tagliente, perfida, critica alla natura dell'uomo e alla società umana, apparsa in due redazioni diverse solo su rivista (1857 e 1865): sicché questa nostra edizione, la prima in volume separato, è di fatto una riscoperta - con un certo impegno filologico - di un 'edito inedito' come si usa dire.

Comunicheremo a giorni la data della presentazione: intanto accludiamo la copertina e, qui sotto, la scheda editoriale, ricordando che il volume è acquistabile presso la nostra libreria e, con carta di credito, sia sul sito di Parole nel tempo che su quello di Polyhistor Edizioni. 

Scheda editoriale

Il romanzo breve “Memorie di un gatto” vide la luce in due redazioni diverse, entrambe su rivista: la presente edizione, la prima in forma di volume separato, si fonda sul testo della seconda redazione, edita nel 1865, l’ultima pubblicata vivente l’autore. “Memorie di un gatto”, come rende esplicito il sottotitolo “romanzo sociale”, intende smascherare le imposture della società umana. La natura umana e la società sono così traguardate dagli occhi straniati di un gatto, che consegna ciò che ha visto alle sue memorie, e lo fa con divertita perfidia, nel segno di quell’umorismo dalla forte connotazione etica, marchio di fabbrica della narrativa di Ghislanzoni nella sua fase più creativa e sperimentale. Così un campionario di umanità squallida e vorace, sfila sotto lo sguardo tagliente del gatto: una cuoca ladra e rabbiosa, un professore di lettere pedantissimo e sessuofobo, la sua attempata sposina dalla bruttezza pavesata di protesi, l’intraprendente figlia dell’acquavitaio di Cassano d’Adda, sposata ad un vecchio e geloso marchese, ma non disposta a rinunciare al primo amore. Un romanzo armato di grottesco, ma anche un documento morale della ‘delusione storica’ postunitaria.

Ultima modifica il Sabato, 06 Novembre 2021 06:11

Lascia un commento