Pubblicato in Comunicati

I SINDACATI: ATTENZIONE ALLE NUOVE FRAGILITA'

Venerdì, 22 Maggio 2020 06:41 Scritto da  CGIL CISL UIL Lecco

Le organizzazioni sindacali territoriali Cgil Cisl e Uil, con le relative categorie della funzione pubblica e dei pensionati, si sono incontrati in videoconferenza con il presidente del distretto di Lecco, il direttore generale dell’Ats Brianza, il direttore socio-sanitario dell’Ats Brianza, il direttore socio-sanitario dell’Asst Lecco, il presidente dell’associazione Uneba rappresentativo delle Rsa del territorio.

L’intervento delle organizzazioni sindacali è stato finalizzato a richiedere tavoli di confronto periodici sui temi dell’assetto sanitario del territorio in funzione dell’emergenza covid con l’Ats e con il distretto e gli ambiti per quanto attiene le complesse ricadute sociali sul territorio lecchese.
I sindacati hanno rappresentato la situazione grave e problematica della Rsa del territorio ad oggi non ancora sufficientemente affrontata in maniera risolutiva.

Bisogna mettere mano soluzioni organizzative nuove che prevedano oltre che ad una “rifondazione” delle strutture in maniera progettuale, anche nell’immediato la netta separazione nelle RSA tra ospiti covid – positivi e pazienti sani.
Si è ribadita la necessità di mettere a sistema la comunicazione anche con sistemi telematici tra gli ospiti Rsa e i parenti che sono all’ esterno. Un impegno in tal senso è stato richiesto dalle organizzazioni sindacali anche nel precedente incontro e condiviso da tutti.

Si è posto il tema pressante di come affrontare la presenza di pazienti covid nella domiciliarità. Le Usca (Unità speciali di continuità assistenziali) andavano istituite in una sede di continuità assistenziale nella misura di una per ogni 50mila abitanti. In tutta l’Ats della Brianza ne sono state costituite soltanto tre (Lecco, Monza e Vimercate) per un bacino di utenza di 1.205.000 abitanti e avrebbero dovuto funzionare 7 giorni su 7.
Le organizzazioni sindacali hanno chiesto l’adeguamento del numero delle Usca agli abitanti con un dotazione organica e professionale con protocolli d’intervento chiari, garantendo un intreccio reale con i medici di base.
Il sabato e la domenica sono rimasti prerogativa dei medici della continuità assistenziale (ex guardia medica). Sicuramente l’anello debole della catena, visto che sono stati lasciati privi di mezzi adeguati.

Le Usca sono a termine, a parte l’insufficienza in termini numerici e strutturali non è pensabile lasciare un vuoto sul piano dell’assistenza sul territorio, visto il permanere di malati covid e post covid nel proprio domicilio.
Cgil, Cisl e Uil chiedono che vengano costituiti dei nuclei di assistenza territoriale della sanità pubblica (almeno uno per ogni ambito territoriale) che prendano il posto, in modo stabile e continuativo, delle Usca (Unita Speciali di Continuità Assistenziale). Nuclei costituiti da infermieri e altre professionalità, adeguatamente formati e dotati di strumenti per supportare i medici di medicina territoriale e in rapporto con gli specialisti ospedalieri.
Solo in questo quadro si può pensare ad un ruolo diverso e una valorizzazione del ruolo e delle competenze degli stessi medici di famiglia. Tagli alla sanità e riduzione di personale e fondi hanno indotto a ridurre anche la medicina di base.

Non vi può essere alcuna fase due, riattivazione del sistema produttivo e dei servizi, se contestualmente non vi è una presa in carico delle nuove povertà e delle nuove fragilità che dietro l’angolo, sono prossime ad esplodere nella loro drammaticità. L’emergenza Covid ci pone difronte a nuove povertà ed a nuovi bisogni. Dobbiamo procedere a costruire una mappatura dei bisogni che riconosca le nuove pressanti fragilità, sia in termini numerici che di tipologia. Le organizzazioni sindacali chiedono pertanto tavoli di confronto che consentano di aggiornare tempestivamente la programmazione delle nuove necessità con distretto, ambiti, comuni.

Prendiamo atto delle risposte di Ats, Distretto, Rsa. L’Ats ha dichiarato un impegno a valorizzare le esperienze in un’ottica di miglioramento dei servizi. Non hanno mai inteso sottrarsi al confronto ma sono stati fortemente coinvolti in quello che è avvenuto.
Nelle Rsa sono stati attivati sopralluoghi di monitoraggio. La Regione sta lavorando ad un protocollo per gestire gli ingressi e le comunicazioni parentali. Tutte le strutture stanno riaprendo i rapporti parentali. Per quanto riguarda la carenza di test sierologici e tamponi si tratta di una criticità superata, a oggi sono stati fatti in un numero molto elevato.
L’Adi Covid sta funzionando, ha seguito circa settecentocinquanta cittadini sul nostro territorio. Sono state attivate degenze alberghiere per coloro che non hanno la possibilità di permanere nel proprio domicilio.

Tutti pazienti segnalati dai medici di medicina generale sono stati seguiti con il telemonitoraggio. Le Usca hanno svolto un ruolo di supporto ai medici di medicina generale gestendo a domicilio i pazienti per cui non era necessaria l’ospedalizzazione. Se dovesse esserci l’esigenza amplieremo il numero delle Usca e dei medici assegnati. Le Usca non hanno coperto il sabato e la domenica perché avremmo avuto un doppione. Sul territorio operano in maniera adeguata i medici della continuità assistenziale recandosi a domicilio del paziente.

Per quanto attiene la proposta dei nuclei di Assistenza, gli operatori sul territorio oggi già ci sono prima di costruirne altri vediamo quelli che ci sono già. Ne faremo comunque un’analisi successiva e se servirà ci attrezzeremo adeguatamente
Per quanto attiene l’emergenza sociale e le risorse da distribuire sul territorio attraverso una chiara lettura dei bisogni si esprime uno specifico impegno a far partire da subito tavoli di confronto con il sindacato, il distretto, gli ambiti ed i comuni.
È previsto il prosiego del confronto in ambito Ats Brianza nella videoconferenza già convocata per il 28 maggio.

 

Ultima modifica il Venerdì, 22 Maggio 2020 06:45
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

Lascia un commento