Comunicati

Comunicati (200)

Martedì, 29 Dicembre 2020 06:38

CON LA NEVE IN AZIONE I TRATTORI SPAZZANEVE

Scritto da in Comunicati

Como-Lecco: è arrivata la neve, agricoltori in azione per agevolare la viabilità stradale

Trattori-spazzaneve in azione per garantire la viabilità dopo l’inizio della copiosa nevicata che in queste ore sta interessando l’intero comprensorio lariano, portando peraltro un repentino e abbassamento delle temperature.

Come sottolinea la maggiore organizzazione agricola interprovinciale, “i mezzi agricoli sono fondamentali per consentire la circolazione e garantire la viabilità soprattutto nei piccoli Comuni e in montagna, grazie alla maggiore tempestività di intervento, anche nelle aree più interne e difficili”.

La figura dell'"agricoltore spazzaneve" è nata - spiega la Coldiretti - grazie alla legge di orientamento che consente alle pubbliche amministrazioni di stipulare convenzioni con gli agricoltori per lo svolgimento di attività funzionali "alla sistemazione e manutenzione del territorio" anche attraverso l'utilizzo di mezzi meccanici agricoli.

Agricoltura mobilitata, quindi, ma anche preoccupata per i temuti contraccolpi del gelo: con il brusco abbassamento delle temperature, infatti, rischiano di soffrire verdure e ortaggi coltivati all’aperto, ma lo sbalzo termico improvviso ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra. Questo, in particolare, provoca contraccolpi pesanti per il comparto florovivaistico, che nel 2020 sta vivendo il suo anno più nero causa lockdown.

Etichettato sotto:
Sabato, 26 Dicembre 2020 07:54

"TELEFONO AIUTO" ALL`OSPEDALE DI LECCO

Scritto da in Comunicati

Il progetto “Telefono Aiuto” nasce nel 2019 da un’idea di tredici associazioni di volontariato che da anni collaborano attivamente con l’Unità di Oncologia della ASST di Lecco (AVO, AICIT, AIL, ACMT, AILAR, CRI, LILT, ANDOS,GRUPPO AIUTO MESOTELIOMA, CANCRO PRIMO AIUTO,INPRIMALINEA, FARESALUTE, ASS. FABIO SASSI) per dare una risposta rapida e competente ai tanti bisogni che affliggono quotidianamente il paziente oncologico.

Abbiamo pensato di riservare una linea telefonica e di attivare una mail dedicata unicamente ai pazienti oncologici in cura presso l’Ospedale A. Manzoni di Lecco e tramite bando pubblico, è stata selezionata alla fine del 2019 una persona idonea a dare risposte competenti che potesse fare da tramite con i medici per richieste più specifiche derivanti dall’essere in cura.

L’iniziativa è stata valutata da subito molto utile. Il bisogno è poi cresciuto con l’arrivo dell’epidemia Covid-19; la linea telefonica dedicata ai nostri pazienti oncologici si è rivelata indispensabile per poter avere un contatto con i medici, spedire esami senza il bisogno di recarsi direttamente in ospedale, evitando coì il congestionamento e i rischi di un possibile contagio.


In media abbiamo ricevuto quindici telefonate al giorno e una ventina di e-mail a cui si è data pronta risposta.

Il progetto “telefono aiuto”, partito nel 2020 con una raccolta fondi da parte delle associazioni di volontariato del Dipartimento Oncologico potrà proseguire l’anno prossimo con le stesse modalità grazie alla generosità del Fondo “Aiutiamoci” attivato dalla Fondazione Comunitaria Lecchese che ha donato cinquemila euro per il proseguo dell’attività.

Ci auguriamo davvero che questo servizio possa essere implementato, anche attraverso contributori del territorio, con nuovo personale in modo da far fronte alle molteplici necessità del paziente oncologico, ultimo e non da ultimo il bisogno di ascolto di una persona specificamente formata e facilmente raggiungibile.

 

Monica Colombo

Volontaria CRI Lecco

Referente delle Associazioni di volontariato del Dipartimentooncologico.

 

Antonio Ardizzoia

Direttore Dipartimento Oncologico Asst Lecco

Etichettato sotto:
Sabato, 26 Dicembre 2020 07:49

EICMA RIPARTIRA` IL 23 NOVEMBRE 2021

Scritto da in Comunicati

FIERE, EICMA 2021 ANDRÀ IN SCENA DAL 23 AL 28 NOVEMBRE

L’Esposizione Internazionale del Ciclo e Motociclo annuncia l’intesa con Fiera Milano sulle nuove date, l’AD Magri: “Edizione con grande valore simbolico”

L’Edizione numero 78 di EICMA si terrà dal 23 al 28 novembre 2021 (le giornate del 23 e del 24 saranno riservate a stampa e operatori) nei padiglioni di Fiera Milano a Rho. È quanto si apprende da un comunicato stampa diffuso stamane da EICMA S.p.A., attraverso il quale la società annuncia l’intesa con Fiera Milano sulle nuove date di svolgimento dell’Esposizione Internazionale del Ciclo e Motociclo.

Previsto inizialmente dal 9 al 14 novembre, il più importante appuntamento al mondo per l’industria delle due ruote viene così posticipato di due settimane per esigenze legate all’armonizzazione del calendario delle manifestazioni fieristiche in programma nel quartiere espositivo. Un’intenzione confermata dall’amministratore delegato di EICMA S.p.A. e presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) Paolo Magri, che ha definito la decisione “un atto di responsabilità nell’interesse del sistema fieristico quale reale e attuale strumento di opportunità di crescita del mercato e di rilancio delle imprese”.

CALENDARIO MANIFESTAZIONI - “Malgrado si intravedano importanti spiragli di fiducia – ha spiegato Magri –, le conseguenze della pandemia hanno compresso il ricco calendario di Fiera Milano, concentrando molte manifestazioni di caratura internazionale. Dopo aver riflettuto con l’industria di riferimento e con un partner fieristico al quale siamo legati dal 1950, abbiamo scelto di ridefinire le date di EICMA in modo da valorizzare l’attrattività e l’efficacia di tutti gli eventi previsti”.

RISPOSTA DI SISTEMA - Per Magri “la ripartenza da questa difficile congiuntura passa inevitabilmente da risposte di sistema: per questo abbiamo scelto di andare incontro, come organizzatori e come comparto, alle necessità e alle richieste di Fiera Milano, mettendo a fattor comune l’interesse complessivo. E credo siano proprio le manifestazioni più rilevanti a dover battere la traccia in questa direzione”.

VALORE SIMBOLICO EICMA 2021 - “La nostra disponibilità, accolta da Fiera Milano con grande favore – ha concluso l’AD di EICMA S.p.A. – rappresenta infatti un'operazione molto significativa, che punta a rafforzare anche l’attrattività di Milano, della Lombardia e del Paese e che, alla luce delle numerose adesioni che abbiamo già ricevuto, consegna a EICMA 2021 un grande valore simbolico di fiducia per il settore delle due ruote, per l’industria della mobilità, per il nostro grande pubblico e per il sistema fieristico con tutto il proprio indotto”.

Etichettato sotto:
Mercoledì, 23 Dicembre 2020 07:18

CORDOGLIO PER LA MORTE DI DON FABIO BARONCINI

Scritto da in Comunicati

"L'Amministrazione comunale ricorda la figura di don Fabio Baroncini, guida e riferimento per tanti studenti e tante famiglie lecchesi appartenenti al movimento di Comunione e Liberazione, scomparso oggi, lunedì 21 dicembre 2020.

Nato a Morbegno e cresciuto a Lecco, dopo gli anni trascorsi a Milano don Fabio era ritornato in città, accompagnando ed essendo accompagnato dalla comunità pastorale Beato Serafino, dove risiedeva. L'esperienza religiosa si è intrecciata da subito con la realtà lecchese fatta di amicizie, dialoghi e continue scoperte: l'ultima, in ordine di tempo, è stata la serata-concerto "Salita ai due giganti", promossa lo scorso anno proprio a Lecco per celebrare la forza della musica e la passione per la montagna.

L'Amministrazione comunale si unisce al cordoglio di chi ha conosciuto questo illustre lecchese, nella gratitudine per il servizio reso in tanti anni, soprattutto ai più giovani".

Mercoledì, 23 Dicembre 2020 07:06

CNA: AGENDA FOTOGRAFICA

Scritto da in Comunicati

Volevo segnalarvi che anche quest’anno Cna omaggia le imprese associate con l’Agenda 2021 (che spero sia giunta fino alla tua scrivania!).

Si tratta di un prodotto che ormai è entrato nella tradizione del Natale per le imprese anche perché ospita in copertina ogni anno la firma di un grande fotografo associato.
Tra questi: Carlo Pozzoni, Ferdinando Scianna, Gin Angri, Pierpaolo Perretta, Enrico Cano, Franco Ceriani.

Quest’anno tocca a Davide Cerati, professionista con studio a Mariano Comense che con l’opera “NITIDO_29” ben rappresenta lo slogan “Cna sempre in movimento”.

“Quello della copertina dell’anno prossimo vuole essere un monito al dinamismo che anche quest’anno di immobilismo forzato ha contraddistinto la nostra associazione- spiega il Segretario Generale Ivano Brambilla – Mentre tutti sono stati costretti a fermarsi, noi abbiamo riaffermato in modo forte e concreto, la nostra azione a tutela delle imprese. Noi non ci siamo fermati, abbiamo modificato il nostro modo di lavorare ma siamo sempre stati al fianco delle imprese associate. Cna è sempre in movimento”.

“La consuetudine di pubblicare un’immagine artistica di un professionista in copertina è diventata ormai tradizione – specifica Franco Ceriani, Presidente Cna Comunicazione – Il messaggio che vogliamo lanciare è che il fotografo fa la differenza. In un’epoca in cui tutti possono accedere agli strumenti digitali e possono improvvisarsi fotografi, il professionista non solo scatta fotografie ma realizza opere d’arte e prodotti veramente di altissima qualità. Colgo l’occasione per dare un’anticipazione: a gennaio 2021 verrà pubblicato un libro fotografico in cui viene raccontato il lockdown come lo hanno vissuto gli imprenditori del nostro territorio attraverso l’obiettivo dei fotografi professionisti”.

Etichettato sotto:
Lunedì, 21 Dicembre 2020 06:48

LABORATORIO GERENZONE:VIDEO SU FACEBOOK

Scritto da in Comunicati

Cari amici di Officina Gerenzone,
il lockdown non ha fermato il nostro laboratorio che è diventato una vera e propria officina di idee: avete seguito le nostre dirette facebook dei giovedì di dicembre?

Se le avete perse le potete rivedere cliccando sui link, anche se non avete un account facebook:
- Animali di Fiume del 17 dicembre https://fb.watch/2vmgI9goWc/
- Il fiume al Lavoro del 10 dicembre https://fb.watch/2vml02necK/
- Giochi di fiume del 3 dicembre https://fb.watch/2vmn0WcWI0/

Segnaliamo inoltre un bando del comune di Lecco che promuove la rigenerazione urbana. Scadenza 31 gennaio 2021. Si tratta di un'opportunità per chi volesse intervenire sul verde o sul costruito per recuperare, valorizzare, migliorare la fruibilità di aree comuni o proprietà private.
Se non lo avete già visto, guardate subito se può interessare voi o altri che conoscete, e se servono informazioni scriveteci.
https://www.comune.lecco.it/index.php/archivio-news/299-avvisi-dagli-uffici/9238-proposte-progettuali-sulla-rigenerazione-urbana
Nella scheda che si allega ci sono in sintesi i requisiti e le indicazioni principali.
Per il resto è meglio consultare il bando dal sito del Comune sopra indicato.

Nell'attesa di poter organizzare un momento dal vivo
vi auguriamo un sereno Natale!
OfficinaGerenzone

 

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CONSIGLIERA DI PARITA’: LA NOMINA DEL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Con Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali n. 137 del 1° dicembre 2020 l'avvocato Marianna Ciambrone è stata nominata Consigliera di Parità effettiva della Provincia di Lecco, mentre l'avvocato Emanuela Andolina è stata nominata Consigliera di Parità supplente.

La Consigliera di Parità si occupa di promuovere e controllare l’attuazione dei principi di uguaglianza e non discriminazione per donne e uomini nel mondo del lavoro, attivando ogni azione stragiudiziale e giudiziale tesa a tutelare le lavoratrici e i lavoratori oggetto di discriminazione.

L’ufficio della Consigliera di Parità riceve su appuntamento e può essere contattato telefonicamente (0341 295551) nelle giornate di martedì e venerdì dalle 9.00 alle 13.00.

Il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli ringrazia Adriana Ventura per il lavoro svolto in oltre 10 anni e augura a Marianna Ciambrone e a Emanuela Andolina un buon lavoro nel nuovo ruolo assegnato dal Ministero.

Martedì, 15 Dicembre 2020 09:00

SOSPESA LA MOBILITAZIONE DEI LAVORATORI ENEL

Scritto da in Comunicati

La mobilitazione è sospesa. Lo sciopero a Enel-Distribuzione, previsto per giovedì 17 dicembre, non si farà. Venerdì scorso, infatti, a seguito della altissima adesione di lavoratori e lavoratrici allo sciopero dello scorso 19 novembre, i massimi vertici mondiali e nazionali di Enel hanno chiesto un incontro per discutere della vertenza in E- Distribuzione, a cui hanno partecipato le segreterie nazionali di Filctem, Flaei e Uiltec, oltre ai segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil. L’azienda ha proposto in quella sede un documento in cui ritiene determinante un più proficuo sistema delle relazioni industriali e un maggior coinvolgimento del sindacato nelle scelte strategiche da mettere in campo nei prossimi anni impegnandosi a sottoscrivere un apposito protocollo in tal senso, ha ritirato il progetto di esternalizzazione delle manovre e ha dato disponibilità a ridiscutere di reperibilità e orari.

Enel ha comunicato inoltre che metterà in campo ingenti investimenti in tutta Italia (circa 14 miliardi di euro in tre anni) impegnandosi inoltre ad assumere 900 persone sul territorio nazionale nel triennio 2021-2023 per adeguare l'organico, come richiesto dalle organizzazioni sindacali, alla preminente esigenza di dover garantire un servizio essenziale per cittadini, servizi pubblici e imprese, anche a seguito delle sempre più frequenti interruzioni causate da eventi meteorologici avversi ed emergenze dovute a calamità naturali. “La mobilitazione dei lavoratori di E-Distribuzione è attualmente sospesa in attesa di verificare in concreto l'attuazione di tale protocollo d'intesa– affermano Paolo Guicciardi (Filctem Cgil) e Igor Manzo (Flaei Cisl) –. Se però queste promesse saranno disattese ripartiremo senza indugi con la vertenza. Ovviamente noi auspichiamo che anche nel nostro territorio si abbiano concreti effetti positivi di tale accordo, ricordando che in provincia di Lecco vi era stata un’adesione allo sciopero di novembre senza precedenti, che aveva sfiorato il 100%”.

Le ragioni che avevano spinto ad arrivare allo sciopero erano causate dalla riduzione progressiva degli organici, dall’esternalizzazione delle attività, dalla svalorizzazione delle competenze e delle professionalità presenti in azienda, dal più elevato livello di rischio per quanto riguarda gli incidenti sul lavoro, dall’impossibilità di garantire pronto intervento in caso di guasti, con evidenti ripercussioni sui cittadini, attività e imprese.

Etichettato sotto:
Domenica, 06 Dicembre 2020 07:22

Nuovo segretario Sunia a Lecco

Scritto da in Comunicati

Natalye Dell’Oro è il nuovo segretario generale del Sunia Cgil Lecco, il sindacato unitario nazionale degli inquilini e assegnatari. L’elezione è avvenuta nella serata di venerdì, durante l’Assemblea generale in modalità video, per rispettare le norme anti-Covid. Eletta all’unanimità, Dell’Oro, 28 anni, prende il posto di Loredana Colombo, che l’aveva voluta in categoria nel gennaio 2013. Prima aveva lavorato in Cgil e al Caaf, a partire dal 2011.

“Il Sunia è un sindacato che negli ultimi anni ha garantito un’assistenza di qualità e voglio che si continui così – afferma Dell’Oro –. Il primo obiettivo è rafforzare il nostro servizio, magari con nuovi progetti, sempre partendo dalla sua tradizionale attività, mettendo sempre al centro i nostri associati e il ruolo sociale della struttura. Un altro obiettivo e quello di perseguire nella collaborazione con la Cgil e le sue categorie affinchè tutti possano cogliere nell'attività di questo ufficio un servizio essenziale per tutti gli iscritti. Il percorso so che non sarà sempre facile”.

Un ringraziamento speciale va anche all’ex segretario generale. “A Loredana riservo un pensierio speciale, pieno di gratitudine per avermi insegnato il lavoro, ma ancor di più per avermi lasciato lo spazio di crescere coinvolgendomi in ogni dinamica legata alla gestione e alla organizzazione del Sunia. La sua caratteristica è sempre stata quella di farmi sentire al pari, senza mai ostacolarmi nelle iniziative”.

Presenti all’assemblea Luisella Gagni, della segreteria regionale Sunia, e il segretario generale della Cgil Lecco Diego Riva. “Un ringraziamento speciale va a Loredana Colombo, che ha guidato l’associazione in questi anni, svolgendo un prezioso lavoro che ha permesso al Sunia di essere un punto di riferimento per le persone in affitto e non solo – spiega Riva –. Ora auguro un buon lavoro a Natalye Dell’Oro, giovane e capace, che saprà continuare nei preziosi compiti di tutela. Il Sunia è una struttura molto importante per tutta la Cgil. Tutelare la propria dimora vuol dire anche difendere la famiglia e anche il potere d’acquisto. Inoltre capiamo ancora di più l’importanza della casa in questo momento di emergenza sanitaria. Voglio ricordare che nel Lecchese le strutture abitative pubbliche sono circa 2.800, un numero importante per cui Sunia resta un punto di riferimento. Questa struttura è sempre presente, per tutte le persone, per risolvere i problemi nell’alveo domiciliare, sempre in sinergia con le altre strutture della Cgil”.

Etichettato sotto:
Martedì, 01 Dicembre 2020 06:45

QUOTAZIONI TAGLIATE PER LA FILIERA SUINICOLA

Scritto da in Comunicati

Coldiretti Como-Lecco: “Tutelare la filiera suinicola, l’emergenza-Covid ha tagliato le quotazioni”

Trezzi: “Buona notizia l’entrata in vigore dell’etichettatura obbligatoria dei salumi, ma per dare una spinta decisiva

al comparto sono necessari interventi di sostegno. L’invasione di carne tedesca ha provocato il crollo dei prezzi in Italia”

L’entrata in vigore, il prossimo gennaio, delle disposizioni che obbligano di indicare in etichetta l’indicazione di provenienza su salami, mortadella, prosciutti & co. è un’ottima notizia. Ma è importante difendere “a tutto tondo” il futuro di un settore chiave per la tradizione del settentrione lombardo come quello dell’allevamento suinicolo.

Lo rimarca Coldiretti Como Lecco attraverso il presidente Fortunato Trezzi. “Il comparto suinicolo lariano è garanzia di qualità e tradizione e guarda al futuro con ambizioni di crescita rispetto ai numeri attuali, che già vedono oltre 6400 unità capi suini allevati nel comprensorio lariano (oltre 2200 nel Comasco e oltre 4200 nel Lecchese). Bisogna fare in modo che questa risorsa non venga persa a causa dell’emergenza in corso”.

Il settore è anche uno dei settori più esposti alle conseguenze delle misure di contenimento della pandemia: il livello di quotazioni del prezzo dei suini si è ridotto da marzo a giugno di oltre un terzo (-36%), e negli ultimi due mesi (-17% tra ottobre e novembre) è sceso ancora con una tendenza che è strettamente collegata alla chiusura e alla limitazioni della ristorazione e perdite così importanti mettono a rischio la tenuta stessa dell’intero sistema di allevamento e trasformazione, tenuto conto della destinazione di oltre l’80% dei suini nazionali a salumi di eccellenza DOP.

L’inatteso aumento delle materie prime per l’alimentazione dei suini che rappresenta quasi i due terzi del costo totale dell’allevamento legato all’emergenza Covid sta innescando un nuovo cortocircuito sul fronte del settore agricolo che – sottolinea la Coldiretti lariana - ha già sperimentato i guasti della volatilità dei listini in un Paese come l’Italia che è fortemente deficitaria ed ha bisogno di un piano di potenziamento produttivo e di stoccaggio per le principali commodities, dal grano al mais fino all’atteso piano proteine nazionale per l’alimentazione degli animali in allevamento per recuperare competitività rispetto ai concorrenti stranieri.

Ma a preoccupare gli allevatori è anche il rischio di ingresso della peste suina africana sul territorio nazionale, contro la quale è necessario tenere alta la guardia fino al blocco delle importazioni di animali vivi da zone che possano rappresentare una minaccia veicolata dai cinghiali, di cui è fondamentale il contenimento della popolazione. Un altro elemento di crisi – spiega Trezzi – “è rappresentato dall’invasione di carne tedesca e nord europea che ha fatto crollare i prezzi in Italia dopo che la Cina ha limitato le sue importazioni dalla Germania mentre ancora troppe limitazioni pesano sulla vendita dei prodotti Made in Italy al gigante asiatico”.

Di fronte a questo drammatico scenario – dice Coldiretti Como Lecco - è necessario intervenire con urgenza con nuove risorse a sostegno dell’intero comparto suinicolo, a partire dagli allevamenti di scrofe che rappresentano il primo e fondamentale anello della filiera 100% italiana che può contare adesso sull’entrata in vigore dell’obbligo di indicare in etichetta l’indicazione di provenienza su salami, mortadella, prosciutti e culatello per sostenere il vero Made in Italy e smascherare l’inganno della carne tedesca o olandese spacciata per italiana.

“Occorre salvaguardare un settore chiave per la sicurezza e la sovranità alimentare soprattutto in un momento in cui, con l’emergenza Covid -19, il cibo ha dimostrato tutta la sua strategicità per difendere l’Europa dalle turbolenze provocate dalla pandemia che ha scatenato corse agli accaparramenti e guerre commerciali con tensioni e nuove povertà” conclude Trezzi nel sottolineare che si tratta di “un obiettivo che può essere raggiunto solo garantendo un budget adeguato a sostegno degli agricoltori per fare fronte alle nuove sfide ambientali e climatiche e non dipendere dall’estero per cibo e bevande”.

Con il crack della zootecnica – conclude il presidente di Coldiretti Como Lecco - è quindi importante il via libera agli aiuti per gli allevamenti che risponde alle richieste di Coldiretti e di Filiera Italia di tutelare un settore strategico per il Made in Italy a tavola. Il decreto prevede un incremento del sostegno agli allevamenti di maiali - sollecitato da Coldiretti – con l’aumento fino a 30 euro dell’aiuto già previsto per le scrofe, che oggi è fissato fino a 18 euro, raddoppiando così la dotazione. E’ importante ora utilizzare subito questi fondi che, se non utilizzati entro fine anno rischiano di andare persi.

Etichettato sotto:
Pagina 1 di 15