Amministratore

Amministratore

Venerdì, 27 Novembre 2020 07:10

AL VIA L’OPERAZIONE FIUMI SICURI

La Provincia di Lecco ha individuato le risorse per dare continuità all’attività addestrativa Fiumi sicuri, con la possibilità di cofinanziare progetti di prevenzione da fenomeni di dissesto idrogeologico presentati dagli enti partecipanti allo specifico bando diffuso nei mesi scorsi.

Anche quest’anno riparte quindi l’operazione Fiumi sicuri per la prevenzione del dissesto idrogeologico nella provincia di Lecco, con mirati interventi presso i torrenti, nell’ambito delle specifiche attività formative di Protezione civile.

Alcune centinaia di volontari di Protezione civile metteranno a disposizione il proprio tempo e le proprie competenze per liberare i torrenti da ramaglie e da ogni altro materiale depositatosi, con il vantaggio di rendere migliore il deflusso delle acque, anche in previsione delle future precipitazioni.

Queste periodiche attività, da tempo programmate e supportate economicamente dalla Provincia di Lecco, in accordo con i Comuni, le Comunità montane e le organizzazioni di volontariato, risultano importanti e necessarie, in conseguenza dei fenomeni meteorologici estremi sempre più frequenti.

Questi i Comuni che hanno ottenuto il contributo provinciale, pari complessivamente a 20.000 euro, a copertura del 80% delle spese previste per gli enti: Ballabio, Ello, Bulciago, Premana, Mandello del Lario, Dolzago, Dervio, Brivio, Colle Brianza, Valvarrone, Cortenova, Rogeno, oltre alle due Comunità montane Lario orientale-Valle San Martino e Valsassina Valvarrone Val d'Esino e Riviera che hanno programmato diverse attività sul territorio di propria competenza.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’attuazione del protocollo d’intesa siglato tra Regione Lombardia e Province lombarde, volto alla prevenzione dei fenomeni di dissesto idrogeologico e del rischio idraulico, grazie alla preziosa risorsa del volontariato di Protezione civile.

L’attività, con finalità di esercitazione provinciale, permette ai volontari di affinare le tecniche addestrative, operando in sicurezza, per acquisire una ulteriore maggiore padronanza nell’utilizzo di attrezzature e mezzi di colonna mobile.

Alla luce dell’emergenza sanitaria in atto e in considerazione del fatto che la Lombardia è stata individuata allo stato attuale in “area rossa”, quindi nello scenario pandemico più a rischio, si è disposto che gli enti attuino i protocolli di controllo e sicurezza vigenti per la salute pubblica, programmando perciò l’attività quando la situazione epidemiologica lo permetterà.

“Un sentito ringraziamento ai Sindaci e ai numerosi volontari per la disponibilità e la pronta risposta che da sempre assicurano nell’ambito del sistema provinciale di Protezione civile, condividendo l’importanza della prevenzione a vantaggio di una sempre maggiore sicurezza del territorio e dei cittadini - commenta il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli - Nell’emergenza sanitaria in corso proprio i volontari di protezione civile hanno già dimostrato la loro sensibilità, operando in collaborazione e a supporto delle istituzioni con la massima competenza. Compatibilmente con gli aspetti legati all’emergenza Covid-19, verranno programmati, in continuità agli anni scorsi, gli interventi di prevenzione e manutenzione programmata del territorio, ripulendo fiumi e torrenti da rami e tronchi accumulati per evitare ulteriori inconvenienti e danni”.

Letto 16 volte
Vota questo articolo
Etichettato sotto:

I 45 progetti complessivamente presentati sul Bando 2020.1, promosso dalla Fondazione Comunitaria, sono stati oggetto di selezione da parte del Cda della Fondazione che ha deliberato contributi per 35 progetti di solidarietà e utilità sociale per un importo complessivo di 268.200 euro.

La quota maggiore di contributi è stata riservata agli interventi di tipo socio-assistenziale (20), per un totale assegnato di 178.690 euro.

I progetti prescelti nell’ambito della tutela e valorizzazione dei beni storici e artistici sono stati 12 per 59.360 euro di stanziamento, mentre quelli della promozione della cultura e dell’arte sono stati 2 per un ammontare deliberato di 25.150 euro.

1 infine il progetto di tutela ambientale pervenuto e ammesso a contributo per un totale di 5.000 euro.

Come di consueto, i contributi della Fondazione coprono solo sino al 50% del costo dei progetti.

Le organizzazioni interessate devono ora impegnarsi a sensibilizzare il territorio di competenza per raccogliere con donazioni le risorse necessarie a coprire la percentuale restante del costo, ciò che consentirà alla Fondazione l’erogazione effettiva del contributo a proprio carico.

L’elenco completo con la descrizione dei progetti selezionati sui Bandi 2020.1 è disponibile al seguente link:

Bando-2020-1-progetti-approvati

Letto 51 volte
Vota questo articolo
Etichettato sotto:
Giovedì, 16 Luglio 2020 07:31

CNA CHIEDE DI RINVIARE LE TASSE

CNA: “Mancano solo cinque giorni alla maxi-scadenza del 20 luglio.

Il Governo rimandi i versamenti perlomeno al 16 ottobre.

Artigiani e piccoli imprenditori non ne possono più”

“A cinque giorni dalla maxi-scadenza fiscale del 20 luglio il governo non ha ancora fornito la risposta tanto attesa: lo slittamento dei versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, dell’Iva e dell’Irap, come già chiesto nei giorni scorsi dalla CNA. Gli artigiani e i piccoli imprenditori non ne possono più. La stragrande maggioranza dei soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli Indici sintetici di sostenibilità o che sono in regime forfetario o in regime di vantaggio denuncia difficoltà molto serie nell’adempiere alla corretta liquidazione delle imposte dovute.

A creare queste difficoltà non sono solo i, comprensibili, problemi di liquidità ma anche i ritardi nella determinazione degli importi da versare accumulati nel periodo in cui la gestione dei provvedimenti legati all’emergenza è stata in cima ai pensieri degli imprenditori. Il Governo non perda nemmeno un minuto a emanare questo provvedimento di buon senso rimandando i versamenti perlomeno al 16 ottobre, evitando così l’affollamento di adempimenti fiscali già previsti a settembre”. Lo si legge in un comunicato della CNA.

Letto 76 volte
Vota questo articolo

ACCESSO LAGO GUEGLIA - OLGINATE

Vista l’attuale situazione connessa all’emergenza Covid 19, prima sanitaria e oggi socioeconomica, e assunto che è possibile tanti concittadini non trascorrano altrove il periodo estivo, il Circolo PD di Olginate, a seguito di un approfondito confronto interno, ha proposto all’Amministrazione di prendere in considerazione la possibilità di organizzare l’accesso al lago nell’area individuata presso la località Gueglia, contemplando anche altri punti sul lungolago olginatese.

Il suggerimento elaborato dal circolo PD olginatese si inserisce nell’ambito di un processo più ampio di riqualificazione di diversi tratti del lungolago già avviato dall’Amministrazione e vedrebbe la pulizia e l’allestimento della zona prescelta al fine di consentire l’accesso al lago tanto agli olginatesi, quanto a un bacino di riferimento che potenzialmente si estende anche ai territori limitrofi.
La realizzazione di tale idea anche in ottica turistica verrebbe innanzitutto rafforzata da una collaborazione con il mondo associativo che anima il contesto cittadino e che già in altre occasioni ha manifestato cura nei confronti del lungolago. In futuro sarebbe quindi auspicabile il coinvolgimento anche di soggetti privati per addivenire ad accordi aventi a oggetto la manutenzione temporanea di aree circostanti la Gueglia al fine di consentirne la fruibilità della comunità, incrementandone il valore per il privato.

Nella consapevolezza delle difficoltà legate alla situazione attuale, il Circolo PD di Olginate esprime l’auspicio di un accoglimento del presente invito da parte dell’Amministrazione e si augura che questa iniziativa possa rappresentare una per quanto piccola tappa all’interno di un più ampio percorso di valorizzazione del lungolago in termini sia di luogo di aggregazione, sia di attrazione turistica per olginatesi e non.

PD Circolo di OLGINATE

Letto 86 volte
Vota questo articolo

 Il candidato del centrodestra: “Dalla valorizzazione della montagna lecchese passa il futuro della città”

 “In occasione della Giornata regionale delle Montagne, istituita dal Consiglio regionale lombardo che ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare i territori montani e sostenere la gente che in montagna vive e lavora, oggi con la coalizione del centrodestra abbiamo realizzato un flash mob per lanciare la nostra proposta programmatica ‘Lecco: capitale dell’alpinismo’ ” dichiara Peppino Ciresa, candidato Sindaco della coalizione di centrodestra.

“Non un semplice motto o proposta da libro dei sogni”- spiega Peppino Ciresa - “Lecco, infatti grazie a figure immortali come Riccardo Cassin, uno dei miei maestri di vita, Carlo Mauri, Casimiro Ferrari e Mariolino Conti è indissolubilmente legata all’alpinismo, tutta questa storia di uomini e di spedizioni però non è adeguatamente valorizzata e per questo riteniamo che debba essere accostato in maniera ufficiale alla nostra città il brand di ‘capitale dell’alpinismo’ ”.

 

“Un semplice, ma significativo gesto che segnerà l’inizio di un percorso che porterà a ripercorrere e strutturare in maniera adeguata la storia cittadina, così che non si sprechino mai più occasioni come quella di Lecco città alpina 2013. Tale brandizzazione sarà abbinata a molteplici azioni perché per valorizzare la lunga tradizione montana di Lecco e dei suoi Ragni, non è sufficiente solamente il museo della montagna, ma devono essere realizzati momenti e iniziative esperienziali che possano attrarre il turista nell’ottica di rivivere e non solo visualizzare” rimarca il candidato del centrodestra.

“Le nostre ferrate Gamma 1, Gamma 2 e Medale sono certo che presto potranno tornare a essere utilizzate anche grazie all’impegno e al lavoro del sottosegretario Antonio Rossi che ha portato all’attenzione dell’ente regionale la richiesta di ripristino” - sottolinea Ciresa -“Naturalmente una volta realizzata la sistemazione, non ci si potrà unicamente limitar a tale atto, ma il Comune dovrà sviluppare politiche di ulteriore valorizzazione di queste vie che permettono a Lecco di essere la casa dell’alpinismo italiano”.

“É proprio per questo oggi lanciamo le nostre proposte dal pizzo d’Erna”- prosegue il candidato del centrodestra - "un angolo della città che insieme a tutti Piani d’Erna e ai Resinelli sono luoghi ideali per la crescita di quel settore del turismo del lago di Como -sport, leisure, wellness - che è il dato identitario del lecchese su cui punteremo con forza in sinergia con il privato”.

“Sistemare, riqualificare e segnalare i percorsi che da Lecco salgono le pendici delle montagne, con la creazione di punti di sosta per le famiglie e con parcheggi adeguati agli accessi, può concretamente portare allo sviluppo della promozione della media montagna. Il crescente numero di appassionati della bicicletta, in particolare di quella a pedalata assistita, può essere ulteriormente implementato grazie alla creazione di percorsi adatti a tutti, che partendo dalla città raggiungano in sicurezza le montagne permettendo così di conoscere e ammirare Lecco e i suoi rioni da nuove prospettive” continua Ciresa.

 

“Le nostre montagne sono state una palestra di vita per leggende dell’alpinismo internazionale il cui legame con Lecco rischia di sbiadirsi con il passare del tempo, questo non possiamo permetterlo: con Lecco capitale dell’alpinismo siamo certi che invertiremo la rotta e riporteremo in alto la nostra città e la sua storia” conclude Peppino

Letto 115 volte
Vota questo articolo

Siccome nella vita ho anche altre cose da fare, difficilmente riesco a seguire più di un sito alla volta.
Come qualcuno di voi forse sa, negli ultimi due mesi mi sono dedicato a un nuovo sito che nasce dalla Valsassina, ma si occupa anche di tematiche più generali, in collaborazione col mio amico di lunga data Riccardo Benedetti (il direttore della Sagra delle Sagre) e con il gruppo Valbiandino, che l'anno scorso, nelle elezioni del 24 Maggio 2018, ha riconfermato come Sindaco del Comune di Introbio Adriano Airoldi.

IL nuovo sito infatti si chiama www.valbiandino.net , un sito che tra l'altro sta andandando benissimo, più delle nostre più ottimistiche previsioni.

E' lì quindi che vi invito ad andare, troverete i nostri aggiornamenti, articoli, eventi, notizie e comunicati stampa.
Leucensia continuerà ad andare avanti ma pe ril momento in tono ridotto.
Grazie a tutti per la comprensione, ci troviamo su www.valbiandino.net

Enrico Baroncelli

Letto 49 volte
Vota questo articolo