Venerdì, 15 Maggio 2020 07:28

ALTRE 210.000 MASCHERINE AI COMUNI

La Provincia di Lecco, in collaborazione con il Comitato di coordinamento dei volontari di Protezione civile, ha programmato una nuova distribuzione ai Comuni del territorio di altre 210.000 mascherine chirurgiche messe a disposizione da Regione Lombardia.

La consegna ai Comuni verrà effettuata venerdì 15 maggio dalle 15.00 alle 17.30 presso l'unico punto di distribuzione allestito al Centro polifunzionale di emergenza di Protezione civile in località Sala al Barro a Galbiate.

"Attraverso il servizio Protezione civile della Provincia di Lecco e il Comitato di coordinamento dei volontari - commenta il Presidente Claudio Usuelli - domani pomeriggio procederemo con una nuova distribuzione ai Comuni del territorio delle mascherine chirurgiche fornite da Regione Lombardia. Saranno poi i Comuni a decidere le modalità di consegna alla popolazione. Quella di domani sarà la quinta distribuzione effettuata dalla Provincia di Lecco, dopo le oltre 400.000 mascherine già consegnate nelle scorse settimane”.

La Provincia di Lecco, in collaborazione con il Comitato di coordinamento dei volontari di Protezione civile, ha programmato una nuova distribuzione ai Comuni del territorio di altre 104.000 mascherine chirurgiche ritirate da Regione Lombardia.

La consegna ai Comuni verrà effettuata mercoledì 6 maggio dalle 15.00 alle 17.00 presso l’unico punto di distribuzione allestito al Centro polifunzionale di emergenza di Protezione civile in località Sala al Barro a Galbiate.

In concomitanza con la consegna delle mascherine, ai Comuni interessati sarà distribuito anche il liquido igienizzante Polichina, che la Provincia di Lecco ha ricevuto dal Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria 'Giulio Natta' del Politecnico di Milano; i Comuni interessati dovranno presentarsi con una tanica di 10 litri per il ritiro del liquido.

"Attraverso il servizio Protezione civile della Provincia di Lecco e il Comitato di coordinamento dei volontari domani procederemo con una nuova distribuzione ai Comuni del territorio delle mascherine chirurgiche messe a disposizione da Regione Lombardia - commenta il Presidente Claudio Usuelli - Saranno poi i Comuni a decidere come utilizzare e distribuire alla popolazione queste mascherine. Si tratta della quarta distribuzione effettuata dalla Provincia di Lecco, dopo le oltre 300.000 mascherine consegnate nelle scorse settimane. Nell’occasione forniremo ai Comuni parte della soluzione igienizzante ricevuta dal Politecnico di Milano, che ringraziamo per la disponibilità, nell'ambito del progetto Polichina”.

“Vogliamo tutelare la salute dei lavoratori degli appalti ferroviari, che sono tra i più esposti al Covid19. Per questo abbiamo consegnato loro alcune mascherine”. Salvatore Campisi, segretario generale della Filt Cgil Lecco, spiega l’iniziativa andata in scena nella mattinata di lunedì, quando ha donato alcuni dispositivi di protezione individuale.

“Abbiamo portato mascherine lavabili che possono essere utilizzate per un mese – racconta –: ne abbiamo consegnata una per ognuno dei 25 lavoratori impegnati nella pulizia e sanificazione dei treni, ma anche ai dipendenti che si occupano della pulizia degli uffici della stazione”.

Il sindacalista parla anche della fase 2: “Far ripartire il settore del trasporto pubblico locale è complicato per le norme di distanziamento. Ci auguriamo che si possano trovare accordi che tutelino la salute di lavoratrici, lavoratori e del personale viaggiante”.

Mascherine chirurgiche: parte la distribuzione a domicilio
Al via martedi 21 le consegne nei rioni di Laorca, San Giovanni e Rancio

Dopo la distribuzione del primo contingente dei dispositivi di protezione individuale (mascherine) assegnati al Comune di Lecco dalla Protezione Civile ed effettuato a partire da mercoledì 8 aprile scorso in una serie di punti vendita della città, parte ora la consegna degli ulteriori dispositivi ricevuti, questa volta in modalità "porta a porta".

Si tratta di 15.000 mascherine chirurgiche che i volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile di Lecco e della Sezione di Lecco dell'ANA distribuiranno in città, conferendole nelle casette postali di ciascun nucleo familiare. Nel fine settimana appena trascorso i volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile hanno insacchettato e inscatolato tutte le mascherine destinate alla distribuzione [nella foto].

La consegna dei dispositivi partirà domani mattina, martedì 21 aprile, e interesserà i rioni di Laorca, San Giovanni e Rancio, per proseguire poi negli altri rioni, in concomitanza con l’arrivo dei successivi lotti, fino a coprire l'intero territorio comunale.

"Dopo la prima distribuzione, in cui abbiamo voluto rispondere alle esigenze di chi, per motivi di necessità, circolava in città, iniziamo ora a consegnare le mascherine ai diversi nuclei familiari di Lecco - spiega il vicesindaco, con delega alla Protezione Civile, Francesca Bonacina - e questo proseguirà, e interesserà anche i prossimi contingenti di dispositivi che ci saranno destinati, fino a coprire l'intero territorio comunale. Restano tuttavia confermate tutte le restrizioni in vigore: ricordo infatti ancora una volta che l’utilizzo della mascherina non comporta nessun attenuamento delle misure volte a contrastare la diffusione del contagio. Ringrazio infine i volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile di Lecco e della Sezione di Lecco dell'ANA per il loro fondamentale contributo".

CORONAVIRUS:  Oggi (giovedi 16/04) la Provincia di Lecco provvederà a distribuire ai Comuni del territorio 104.000 mascherine ritirate ieri da Regione Lombardia, che si aggiungono alle 109.000 già consegnate nei giorni scorsi.

Dalle 15.00 alle 17.00 di giovedi i Comuni possono ritirare le mascherine nei tre punti di ritiro allestiti a Barzio, Bulciago e Valgreghentino.

“La Protezione civile della Provincia di Lecco – commenta il Presidente Claudio Usuelli – e il Comitato di coordinamento dei volontari si sono messi subito a disposizione per ritirare da Regione Lombardia e recapitare prima possibile ai Comuni queste mascherine. Saranno poi i Comuni a decidere come utilizzare e distribuire queste mascherine ai loro cittadini. Rinnovo il ringraziamento ai volontari di protezione civile, quotidianamente impegnati in varie attività e servizi nei loro Comuni, coordinati dalla Provincia di Lecco, e ai Sindaci, continuamente impegnati nella prima linea del fronte per gestire al meglio questa emergenza".

Informazioni ai cittadini di Lecco sulla distribuzione delle mascherine: da mercoledì 8 aprile le consegna la Protezione civile davanti ai punti vendita.

Chi può ritirare la mascherina?

I cittadini lecchesi che non hanno la possibilità di reperire il dispositivo individuale di protezione (mascherina) e che si trovano in una condizione di necessità che obbliga a uscire, nello specifico:
- per motivi di salute
- per ragioni di lavoro
- per approvvigionamento di alimenti e beni di prima necessità.

Dove?

Un primo lotto di mascherine sarà distribuito dai Volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile e della Sezione di Lecco dell'Associazione Nazionale Alpini presso alcuni punti vendita:

Conad (di corso Bergamo, viale Turati e via Don Orione)
Eurospin di via Caduti Lecchesi a Fossoli
MD di via Risorgimento
Kappadoro di via Paisiello
Bennet di largo Caleotto
A&O - I.B. Market di via Credeé
Iperal di viale Montegrappa
Aldi di corso Carlo Alberto
Carrefour di vicolo San Giacomo
Panificio Ciresa di via Pasubio ang. via Petrarca

Quante mascherine?

Ogni cittadino può ricevere un’unica mascherina che dovrà ritirare personalmente.
Può ritirare la mascherina all’ingresso del punto vendita lasciando contestualmente traccia dell’avvenuto ritiro attraverso la scrittura di nome, cognome e indirizzo, e la propria firma su apposito registro di avvenuta consegna in loco (i volontari della Protezione civile possono fornire informazioni e assistenza).

Indicazioni utili

L’uso della mascherina non comporta alcun alleggerimento delle misure in vigore di contrasto alla diffusione del contagio. Quindi, in generale, le persone anziane e fragili devono rimanere a casa!

Invitiamo tutti coloro che possono e, in particolare, le persone anziane e/o in situazione di fragilità, ad avvalersi dei servizi di consegna a domicilio della spesa, dei farmaci e dei beni di prima necessità attivi in città.

Inoltre, facciamo appello al senso di responsabilità di ciascuno, chiedendo di evitare di richiedere la mascherina se non sia strettamente dettata da una condizione di necessità, e di avvalersi anche di altre modalità di protezione previste dall’Ordinanza Regionale (copertura di naso e bocca con sciarpe, foulard, ecc.).

La Protezione Civile distribuisce da mercoledi le mascherine in città
Si tratta di circa 12.800 pezzi che verranno distribuiti presso alcuni punti vendita

Oggi, mercoledì 8 aprile, partirà la distribuzione del primo contingente di mascherine destinato alla città di Lecco. Si tratta di 12.850 dispositivi individuali di protezione provenienti dalla Protezione Civile regionale e nazionale.

"Questo primo contingente verrà destinato ai cittadini lecchesi che non hanno la possibilità di reperire la mascherina e che si trovano in una delle condizioni di necessità che obbliga a uscire, per motivi di salute, ragioni di lavoro o per approvvigionamento alimentare e di beni di prima necessità - sottolinea il vicesindaco di Lecco con delega alla Protezione Civile, Francesca Bonacina.

Invito tutti coloro che possono, e in particolare le persone anziane e/o in situazione di fragilità, a utilizzare i servizi di consegna a domicilio della spesa, dei farmaci e dei beni di prima necessità attivi in città e ricordo che l’utilizzo della mascherina, non comporta nessun attenuamento delle misure in vigore volte a contrastare la diffusione del contagio".

La distribuzione di questo primo lotto di dispositivi verrà effettuata dai volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile e dell’Associazione Nazionale Alpini-sez. di Lecco, presso alcuni punti vendita il cui elenco completo verrà reso noto entro sera. Già confermati al momento i seguenti punti vendita: Conad (punti vendita di corso Bergamo, viale Turati e via Don Orione), Eurospin di via Caduti Lecchesi a Fossoli, MD di via Risorgimento, Kappadoro di via Paisiello, Bennet di via Giovanni Amendola e I.B. Market di via Credeé.

Fatto salvo diverse e successive disposizioni ogni richiedente potrà ricevere una sola mascherina che dovrà ritirare personalmente all’ingresso del punto vendita, apponendo la propria firma per ricevuta accanto al rispettivo nome/cognome e indirizzo.

"Concludo - prosegue il vicesindaco - facendo appello al senso di responsabilità di ciascuno e chiedendo, a fronte del quantitativo di dispositivi al momento in distribuzione, di evitare di richiedere la mascherina quando non sia strettamente necessaria. Infine, in via residuale (ovvero quando sprovvisti di mascherina, ma obbligati comunque a uscire) ricordo la possibilità di avvalersi dell’utilizzo delle altre modalità di protezione contemplate dal decreto regionale (copertura di naso e bocca con sciarpe, foulard ecc).

Un grazie a tutti i volontari per la collaborazione".