Il Blog di Enrico Baroncelli

Pubblicato in Attualita

IL COMITATO MIGRANTI CERCA PC E TABLET PER DIDATTICA A DISTANZA

Giovedì, 31 Dicembre 2020 06:58 Scritto da  Comitato Noi Tutti Migranti

 DAD DIDATTICA A DISTANZA SOSTENIAMO LA FORMAZIONE L’INTEGRAZIONE E LA CRESCITA
Invitiamo TUTTI, ad intraprendere o/a continuare il cammino insieme a
NOI promuovendo la raccolta di PLC/TABLET/PORTATILI o
SMARTPHONE nuovi o usati, prodotti dall’anno 2015 in buono stato,
utilizzabili per la didattica a distanza.

 

Tali Device saranno donati agli Istituti presenti sul territorio lecchese

RIFERIMENTI PER IL RECUPERO:
solo whatsapp> cell 3316916293 - Fabio Gerosa per la Cgil
solo whatsapp > cell. 3318088546 - Andrea Massironi per la Cisl
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. > all’attenzione di Marilisa Rotasperti per la Uil
solo whatsapp > cell. 340/1596945 Associazione Gabbiano - Carola Molteni

Inviate a questi recapiti le disponibilità dell’hardware, sarete ricontattati quanto prima.
Al termine del progetto verrà redatto e reso pubblico l’esito della raccolta con la conseguente
consegna agli Enti formativi lecchesi da utilizzarsi per tutte/i le/gli alunne/i.

Lettera aperta del coordinamento Lecchese
Comitato Noi Tutti Migranti seconda ondata Covid-19.

Siamo donne e uomini, singoli e associazioni, che da anni cercano d’interrogarsi e d’impegnarsi prima di
fronte all’arrivo dei migranti in cerca di lavoro, e delle loro famiglie, e ora a quello di uomini, donne e bambini
cacciati dalle loro terre da guerre, fame e disperazione. Per questo seguiamo con attenzione l’integrazionesociale nel nostro territorio lecchese delle persone già presenti nelle nostre comunità e/o arrivate durante la
pandemia.

La situazione di limitazioni ha creato ulteriori difficoltà a questi nuclei familiari (già in condizioni precarie),
nelle dinamiche di integrazione ed accoglienza; siamo pertanto preoccupati che questa seconda ventata
pandemica, nonché l’applicazione del DPCM del 4/11/2020 aumenteranno le distanze, gravando
sull’arricchimento e l’integrazione innanzitutto delle nuove generazioni, che in questi anni si affacciano
all’istruzione scolastica: luogo fondamentale di crescita e formazione di ogni singolo individuo.
Con la logica dell’inclusione e dell’integrazione quale arricchimento vicendevole, condividiamo che sia da
proporre agli Enti territorialmente competenti una scuola, che mantenga il rapporto di gruppo ed individuale
all’interno delle mura scolastiche, sia con adeguati investimenti sui trasporti sia nell’organizzazione di una
didattica propedeutica alla relazione in presenza, poiché la trasmissione dei soli contenuti a livello di DAD
non porta a una vera istruzione, in quanto la relazione è basilare nel processo di apprendimento ed
educazione, non è un elemento marginale.

In tale percorso agiremo per garantire quantomeno un primo sostegno alle famiglie (italiane e straniere) che
tutt’oggi si trovano impreparate a garantire il primo gradino della Didattica a Distanza, sia per pluralità di figli
che per risorse economiche insufficienti, raccogliendo strumenti informatici per gli istituti scolastici in cui
viene utilizzata la DAD, potenziando e garantendo il costante accesso alla scolarità; non perdendo di vista
l’obiettivo di sostenere il diritto di ragazzi e ragazze a una vera scuola in presenza, assieme ad insegnanti,
compagni e compagne.

Ci rivolgiamo, ringraziando sin d’ora, alle amministrazioni comunali, a parrocchie, associazioni e singole
persone che da mesi con umanità, fatica ed impegno gestiscono l’accoglienza nonostante la pandemia
dilagante, mettendo a disposizione strumenti e risorse.
Sappiamo che non è facile, ma che è indispensabile nella crescita delle nuove generazioni far si che
l’individuo si identifichi col “noi” prima dell’ ”io”. L’esperienza ci insegna che se ci si mette in rete, si trovano
insospettate alleanze e compagne e compagni di viaggio.

Per questo esprimiamo grande apprezzamento per lo sforzo in atto nel nostro territorio di provare a dare una
risposta collettiva ai bisogni crescenti in questo scenario gravoso. Riteniamo sia la strada giusta e che vada
sostenuta con e per tutta la comunità.

 

Ultima modifica il Giovedì, 31 Dicembre 2020 07:00
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

Lascia un commento