Condividi gli Articoli di Leucensia

Share This

Condividi questo articolo

SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK

Seguici sui Social o mandaci una email
Pubblicato in Attualita

Manutentori del verde, nuove norme e scadenze

Martedì, 11 Febbraio 2020 06:50 Scritto da  Coldiretti Como-Lecco

Manutentori del verde, nuove norme e scadenze: domani il primo focus per gli operatori
                 
E’ il primo dei 4 appuntamenti con ingresso libero a Oggiono, Alzate Brianza, Grandola e Uniti, Grandate

“Settore economico strategico per il territorio, fondamentale conoscere novità, adempimenti e scadenze”

COMO-LECCO –  Importanti novità e scadenze per i manutentori del verde, comparto economico che, insieme al florovivaismo, ha una notevole rilevanza in termini economici e occupazionali per le province di Como e Lecco, con centinaia di imprese e professionisti direttamente interessati. La Conferenza Stato Regioni ha infatti definito i nuovi criteri relativi agli Standard Professionali in materia di Manutenzione del Verde, in ordine dei quali sono definite precise scadenze “che le imprese devono conoscere e rispettare, motivo per cui abbiamo deciso di dedicare quattro giornate di incontro per coprire capillarmente il territorio, a partire proprio da domani (11 febbraio)” sottolinea il presidente di Coldiretti Como-Lecco Fortunato Trezzi. “Si tratta di temi fondamentali e di scadenze urgenti, per questo gli incontri saranno aperto a tutti gli interessati, ovviamente con ingresso libero”.

Il primo degli incontri è fissato per domani, MARTEDI 11 FEBBRAIO, alle ore 20.30, a Oggiono (presso la sala consiliare comunale); a seguire l’appuntamento di MERCOLEDI 12 FEBBRAIO, sempre alle ore 20.30, ad Alzate Brianza, presso il recapito Coldiretti; quindi, GIOVEDI 13 FEBBRAIO alle ore 10.30, a Grandola e Uniti, presso Agriturismo Barcola - Baita Margherita. Sempre IGIOVEDI 13 FEBBRAIO si replica alla sera, ore 20.30, a Grandate, presso l’oratorio parrocchiale.
 

Ma quali sono i principali adempimenti? In sintesi, tutti gli operatori che svolgono attività di manutenzione del verde, devono comunicare entro il 22 febbraio 2020 il possesso dello standard professionale e formativo alla Camera di Commercio di competenza. Tuttavia – ed è importantissimo specificarlo - le imprese già attive alla data del 28 luglio 2016, che dimostrano un’esperienza professionale almeno biennale maturata alla data del 22 febbraio 2018, sono esentate dall’obbligo formativo presentando apposita dichiarazione sostitutiva.

Sono esonerati dall’obbligo formativo anche i soggetti che hanno avviato l’attività e che sono  in possesso dei titoli di studio o di formazione professionale indicati nel Regolamento regionale. I requisiti posseduti vanno attestati con la medesima dichiarazione sostitutiva.

Tutti gli altri soggetti sono tenuti a comunicare, sempre con la medesima dichiarazione sostitutiva, la frequenza di un corso formativo di 180 ore (tecnico –pratico) e l’esito positivo all’esame di verifica delle competenze da parte del titolare d‘impresa o dal preposto facente parte dell’organico dell’impresa.

“La tutela di chi opera nel settore manutentivo del verde pubblico e privato è strategica anche in rapporto alla cura sostenibile del territorio e alla protezione della qualità di vita di chi vi abita” conclude il presidente Trezzi: “Nelle nostre città il verde, infatti, sta diventando sempre più non solo un elemento di arredo ma una vero e proprio indicatore di qualità e stile di vita con una accresciuta sensibilità ambientale dei cittadini a livello globale che si realizza nelle case e nell’arredo urbano delle città ma è anche il frutto dell’importante azione svolta dal verde nel contenimento dell’inquinamento urbano: una pianta adulta è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili, un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno”.



 

Ultima modifica il Martedì, 11 Febbraio 2020 06:52
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento